LA DESTINAZIONE DELL’ANNO CALCIDICA 550 KM DI COSTA!

Per un preventivo telefona al +39.0575.21696
da 560 EURO A PERSONA

 

La penisola Calcidica, o semplicemente Calcidica, è una penisola che si trova nel sud-est della regione balcanica. La penisola, che ha una superficie di circa 4.400 km², si protende nel Mar Egeo settentrionale, in direzione sud-est, fra il golfo di Salonicco a ovest ed il golfo di Orfani a est. Politicamente la Calcidica appartiene alla Grecia e fa parte della regione amministrativa (o "periferia") della Macedonia Centrale. Il suo nome deriva dalla città di Calcide nell'isola di Eubea che nei secoli VII e VI a.C. vi fondò diverse colonie.

La regione Calcidica si trova nella parte nordorientale della Grecia ed è costituita da tre penisole: Cassandra, anche chiamata Kassandra, Sithonia e Monte Athos. Kassandra e Sithonia sono destinazioni turistiche molto conosciute e vantano lunghe spiagge di sabbia, mare cristallino ed una vegetazione rigogliosa. Monte Athos è invece la montagna sacra. La Sithonia è la penisola di mezzo ed è la più turistica. Numerose calette si nascondono tra le colline e le pinete. Il capoluogo è Neos Marmaras e tra le maggiori località ci sono Nikitas, Vourvourou, Porto Koufos, ricco di taverne, e Toroni, quasi all’estremità della penisola.

Kassandra

Ricoperta da pinete e uliveti, e ricca di bellissime spiagge dorate, la penisola di Kassandra, nella Grecia settentrionale a sudest della città di Salonicco, è la più occidentale delle tre che compongono la Calcidica. Κασσάνδρα, come la chiamano i greci, negli ultimi anni è diventata una meta molto ambita dai vacanzieri che la prediligono alla più tranquilla Sithonia e all’inaccessibile Monte Athos, e offre meravigliose baie di sabbia bianca incastonate nella sua costa frastagliata, buonissime strutture alberghiere e una vivace vita notturna.

Le principali località turistiche si trovano lungo la costa orientale di Kassandra, tra Kallithea e Pefkohori, e tra Sani e Skala Fourkas sulla costa occidentale, con un’infrastruttura turistica estremamente ben sviluppata, tra cui molti hotel, resort di lusso, appartamenti e camere in affitto. La penisola ha comunque molti villaggi, tutti attrezzati per i vacanzieri.

Le spiagge di questo lembo di terra che si insinua nel Mar Egeo sono famose per la loro sabbia soffice, l’acqua cristallina e i lussureggianti dintorni. Le baie più popolari sono Nea Fokea, Haniotis e Possidi.

Per raggiungere Kassandra dovete attraversare il ponte a Nea Potidea: la penisola, infatti, è in realtà un’isola separata dalla terraferma dal canale di Potidea. Il servizio di trasporto pubblico non è male ma il modo migliore per esplorare la penisola di Kassandra resta sempre noleggiare un’auto.

Da non perdere

  • La grotta e il Museo Antropologico di Petralona sono una grande attrazione turistica. La grotta fu scoperta nel 1959 e al suo interno è stato rinvenuto un teschio umano risalente a 700 mila anni fa, il più antico antenato europeo dell’uomo moderno, che ha reso l’antro famoso in tutto il mondo. Il Museo raccoglie numerosi strumenti paleolitici e fossili animali.
  • Nelle località balneari di Nae Moudania e Siviri le notti estive sono allietate da concerti e festival di teatro messi in scena in anfiteatri all’aperto.
  • I borghi tradizionali del Dionissiou e Zsografou.
  • Il monastero bizantino di Nea Fokea, risalente al 1407.
  • I resti del santuario dorico dedicato a Zeus Ammone, il santuario di Dioniso e delle Ninfe e la piccola cappella di Agios Panteleimon a Kallithea.

Sithonia

La penisola centrale della Calcidica, tra Kassandra e Monte Athos, è Sithonia, Σιθωνία in greco, un meraviglioso lembo di terra che si estende nel Mar Egeo, costellato da golfi affascinanti, spiagge bellissime e villaggi tradizionali pittoreschi. Questo panorama montuoso che incastona baie cristalline si trova vicino la città di Salonicco, nel cuore della Macedonia, ed è il luogo ideale per le fughe romantiche delle coppie, le vacanze in famiglia e per tutti coloro che sono in cerca di una vacanza tranquilla.

Il paradiso nascosto della penisola di Sithonia custodisce alcune delle migliori spiagge in Grecia di sabbia bianca fine e offre ottimi servizi alberghieri in piccoli e familiari hotel, appartamenti in affitto o resort moderni.

La penisola inizia a nord con la città di Nikiti, una dei principali centri abitati insieme a Neos Marmaras, Toroni, Sykia, Sarti, Vourvourou e Agios Nikolaos. Meravigliosi i piccoli villaggi come Metamorfosi, Porto Koufo, Kalamitsi e Ormos Panagias.

I trasporto pubblico è piuttosto irregolare e lascia molto a desiderare su Sithonia e per spostarvi avrete bisogno di un’auto a noleggio.

Da non perdere

  • Le Basiliche paleocristiane di Agios Georgios ed Elia
  • La torre e le rovine della fortezza di Agios Nikolaos
  • Il Parthenonas in Neos Marmaras
  • I mulini a vento e le rovine del Santuario di Episkopi a Sykia
  • Il Monastero di Xiropotamos a Sarti
  • L‘isolotto di Agios Andreas

Monte Athos

Il Monte Athos è la penisola più orientale delle tre che compongono la Calcidica, nella Grecia settentrionale, ed è un vero e proprio Stato autonomo all’interno della sovranità greca. La “terza gamba” della penisola Calcidica ha una superficie di 335 chilometri quadrati e si tuffa nel Mar Egeo per 50 chilometri di lunghezza e per una larghezza che varia tra i 7 e i 12 chilometri.

Questo lembo di terra è ritenuto sacro ed è montuoso, la vetta più alta raggiunge i 2 mila 39 metri sul livello del mare, e di una grande bellezza naturale: qui si trovano 20 monasteri ortodossi, di cui 17 greci, uno russo, uno serbo e uno bulgaro, manufatti e monumenti religiosi di immenso valore artistico spesso edificati sulla sommità di piccole colline. Solo la comunità monastica, che oggi conta poco più di un migliaio religiosi, può stabilirsi nella penisola.

La storia del Monte Athos ha avuto inizio nel 963 quando Sant’Atanasio istituì il monastero di Grande Lavra, ancora oggi il più importante. Oltre ai monasteri esistono 12 piccole comunità minori di monaci e vari eremi.

Per i laici è possibile visitare il Monte Athos una volta ottenuto un permesso speciale, per le donne, invece, vige il divieto è assoluto d’accesso. La procedura per ottenere il permesso è complicato e lungo, soprattutto per i visitatori non ortodossi che devono specificare in una lettera il motivo della richiesta che può essere solo per pellegrinaggio o per studio. C’è una quota giornaliera di 120 pellegrini ortodossi e 10 non ortodossi. La richiesta di visita può impiegare mesi prima di essere accolta.

La penisola, raggiungibile solo in barca benché sia collegata alla terraferma, ha ripidi pendii, verdi vallate e una vegetazione rigogliosa interrotta qua e là dall’imponente architettura dei monasteri, castelli bizantini fortificati con pareti monumentali tutto intorno e un cortile. Il monastero di San Panteleimon è stato costruito dai monaci che provenivano dalla Russia, lo stile riflette chiaramente la loro l’influenza, ed è uno dei più grandi e più ricchi del Monte Athos.

All’interno dei monasteri e delle numerose chiese c’è una ricchezza inimmaginabile tanto che il Monte Athos conserva la più grande collezione di arte cristiana al mondo: questi tesori unici sono affreschi religiosi che decorano ogni muro, mosaici, biblioteche ricche di pubblicazioni antiche, antiche icone ornate in oro.

Gallery

  • *

  • *

  • *

  • *

  • *

  • *

Viaggi vacanza consigliati

Per offrirti un servizio migliore Mondanita.it utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.